Il mio ultimo libro

Nutrirsi Meglio, la consapevolezza di perdere peso.

Esiste uno stretto rapporto tra cibo, cervello ed emozioni. Questo spesso impedisce di raggiungere i risultati sperati. Infatti si instaurano delle dinamiche emozionali e comportamentali che impediscono il corretto funzionamento metabolico. Il risultato è la difficoltà a perdere peso e mantenere i risultati ottenuti, sia in termini di peso che di benessere generale.

“Nutrirsi Meglio, la consapevolezza di perdere peso” vi porta alla scoperta del mio Percorso di Educazione Alimentare Consapevole. Un invito alla consapevolezza di come le vostre abitudini alimentari, i vostri atteggiamenti nei confronti del cibo e il rapporto che avete con il vostro corpo possano essere determinanti nel mantenimento dei risultati ottenuti, più di ciò che mangiate.

Spesso dietro i chili di troppo si nascondono anni di difficoltà, di rinunce, di dolori, in cui il cibo è diventato l’unico fedele alleato.

Perdere peso è un atto di grande coraggio e amore per se stessi.

Seguire un piano nutrizionale non è sufficiente!

Occorre mettersi in gioco per cambiare definitivamente quei comportamenti che negli anni vi hanno accompagnato. “Nutrirsi Meglio, la consapevolezza di perdere peso” è una guida che vi apre a nuovi orizzonti per imparare che è possibile modificare il proprio stile di vita, con piccoli accorgimenti da attuare tutti i giorni.

Se hai già fatto tante diete nella vita, ma sei sempre punto a capo e ti sei resa conto che il cibo spesso è un alleato in caso di stress, tristezza, rabbia, malinconia, allora prova ad avvicinarti al mio percorso. E’ una lettura facile, da rileggere più volte per metterlo in pratica.

Perdere peso non significa privazione, ma ritrovare il benessere psicofisico riscoprendo il piacere di mangiare, cambiando il proprio stile di vita in modo naturale e piacevole.

Io sarò la vostra allenatrice personale, vi accompagnerò passo dopo passo, ma voi sarete i protagonisti.

Se avete avuto modo di leggerlo, lasciate qui la vostra recensione. Grazie

3 commenti su “Il mio ultimo libro

  1. Un libro molto stimolante, mi sta cambiando la vita. Ogni tanto lo rileggo per motivarmi verso il cambiamento. Consiglio a tutti di leggerlo e rileggerlo

  2. Un libro che bisogna leggere e rileggere per imparare a correggere cattive abitudini che sono radicate dentro di noi.

  3. Ho letto il libro di Alessandra Obbili due volte e sto ri-cominciandolo per la terza. La ragione è semplice: scorre e si fa strada nella mente con efficacia e facilità. Finalmente un libro specifico che non vuole essere un testo pieno di tecnicismi medici (quelli li contiene di default affinché sia ineccepibile a livello scientifico) ma bensì un messaggio complessivo che arriva diretto al punto, e cioè alla mente ed all’anima di chi legge. Confesso di averne letti molti altri prima di questo, ed alcuni non sono riuscita a finirli. Perché purtroppo mangiare male ed elaborare pensieri “scorretti” vanno di pari passo, niente che accade al corpo è separato dalla mente e dalle nostre (spesso) sbagliate e punitive convinzioni. Mi sta spingendo ad impegnarmi in un percorso di nutrizione consapevole costante che sta eliminando senza troppa fatica abitudini ed alimenti tossici, nonostante il mio umore altalenante e la mia tenacia che a volte sembra sfuggirmi di mano. Ognuno poi ne trarrà i risultati fisici che il proprio corpo ed il proprio stato di salute gli permetteranno, ovviamente. Ma per me il fatto di avere gia’ perso dei chili, anche se non troppi finora, laddove diete anche estreme non avevano sortito effetto, se non frustrazioni, mi incita a continuare. Pure nonostante me stessa e le mie fragilità. Per questo lo consiglio. Voler perdere peso non inizia solo a tavola, ma continua con tutta una serie di pensieri a calorie zero (che vuol dire non farsi fagocitare continuamente dalle preoccupazioni, vere e presunte, della quotidianità). Se poi riuscite ad aggiungere un sano percorso di allenamento fisico secondo le vostre capacità ed i traguardi anche sportivi che desiderate raggiungere, tanto meglio. E fate come dice Alessandra: coltivate la respirazione consapevole, fatelo diventare un comportamento che va oltre il gesto fisiologico automatico che ci tiene in vita, perché ci sono respiri che per la loro intensità vi restituiscono letteralmente nuovi e carichi di energia al mondo. Leggete questo libro. Sarà un’esperienza da assimilare tutto ad un fiato e che vi farà scavalcare un sacco di convenzioni. Take care!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto