Alimentazione in Gravidanza

La gravidanza è un periodo particolare della donna, un turbinio di emozioni, al limite tra i disagi che questo stato comporta e la serenità e la gioia di portare in grembo il proprio figlio.
In questo momento una donna non è più sola e ha più che mai bisogno di seguire una corretta alimentazione, in quanto la dieta incide in modo fondamentale sulla salute sia della madre sia del bambino.


La gravidanza va dunque concepita come l’occasione ideale per migliorare il proprio stile di vita, se ancora non lo si è fatto; non va invece vissuta come un periodo di “indulgenza” durante il quale poter assecondare tutti i desideri e le “voglie” alimentari.


Per ottimizzare lo stato di salute di una donna in gravidanza e per ridurre il rischio di malformazioni o malattie nel nascituro, è fondamentale che la madre raggiunga uno stato nutrizionale ottimale prima, durante e dopo il periodo gestazionale, che prevede sia l’allattamento, in cui le richieste
nutrizionali sono ancora superiori a quelle della gravidanza, che una fase di recupero.

COME FARE?
Le donne dovrebbero consumare sempre, ma con ancora maggiore attenzione dal concepimento al termine dell’allattamento, una dieta varia in grado di soddisfare le esigenze nutrizionali della mamma e del futuro nascituro.
L’alimentazione durante tutto il periodo gestazionale deve prestare attenzione sia alla quantità, ma soprattutto alla qualità degli alimenti.
La scelta di alimenti freschi è fondamentale per evitare di consumare coloranti, conservanti e altri additivi utilizzati nei prodotti conservati.
Un’ attenzione particolare alla varietà dei cibi permetterà alla mamma di non sviluppare intolleranze e durante l’allattamento permetterà al nascituro di assaporare gusti diversificati.

Alcuni preziosi consigli:

  • Limita il consumo di cereali raffinati, preferisci quelli integrali , per combattere la stipsi.
  • Utilizza giornalmente verdura e frutta fresca a volontà, lavandola molto bene.
  • Preferisci l’olio extravergine di oliva, anche per cucinare.
  • Evita i cibi preconfezionati e conservati.
  • Introduci in quantità contenuta pane, patate, riso, pasta e cereali.
  • Evita caramelle, biscotti, marmellata, bevande zuccherine, pasticcini, cioccolato, caffè, tè, cibi grassi, fritti, burro, sughi e condimenti elaborati.
  • Assumi uova solo se ben cotte e puliscile accuratamente prima di aprirle, per prevenire la salmonellosi.
  • Evita paté e formaggi molli (brie, camembert, taleggio, gorgonzola, etc.), per prevenire la listeriosi.
  • Evita la carne cruda o al sangue e i salumi crudi, per prevenire la toxoplasmosi; puoi invece mangiare i salumi cotti.
  • Evita mitili (cozze, vongole), crostacei e calamari crudi, che possono scatenare reazioni allergiche.
  • Modera l’uso del sale .
    Bevi molta acqua , almeno 2 litri al giorno.

Se hai dubbi, se hai bisogno di aiuto a gestire la tua alimentazione non esitare a contattarmi, sarò felice di accompagnarti per tutta la gravidanza e l’allattamento con programmi specifici a te dedicati

Torna in alto