Dott.ssa Alessandra Obbili
Biologa Nutrizionista
INTESTINO


L'intestino è sottoposto giornalmente ad un intenso lavoro per gestire, digerire e assorbire gli alimenti ingeriti, quindi è fondamentale scegliere i cibi corretti per assicurargli un buono stato di salute.
L'intestino è l'organo che viene chiamato “secondo cervello” poiché dotato di un suo sistema nervoso enterico costituito da una fitta rete di neuroni che ricevono ed emettono in circolo molti segnali in risposta a stimolazioni interne, esterne ma anche stati d'animo; il tutto è collegato al Sistema Nervoso Centrale. Ecco spiegato il motivo perché spesso sentimenti come rabbia, tristezza si ripercuotano in problemi intestinali con dissenteria, colite, stitichezza.


Un altro aspetto importante da tenere in considerazione è il fatto che nella mucosa intestinale risiede il 60% del nostro sistema immunitario, e un ruolo importante è giocato dalla microflora.
Con microflora batterica umana si intende l’insieme dei batteri presenti nell’intestino umano.
La composizione della flora batterica è sorprendentemente stabile nel tempo, ma è influenzata dalla dieta , dall’uso di antibiotici ed altri farmaci e da fattori locali quali il ph, la temperatura ecc.
Non è raro vedere persone far fatica a perdere massa grassa, nonostante un corretto stile di vita, proprio perché manca una regolarità intestinale e di conseguenza si crea un accumulo di tossine e radicali liberi a livello degli organi, le cellule non riescono a lavorare in modo ottimale e tutto ciò porta ad un mancato equilibrio ormonale, che naturalmente influisce sulla perdita di massa grassa.
La disbiosi può essere definita come: un processo caratterizzato da una ingravescente disorganizzazione della flora batterica intestinale e progressiva sostituzione con microrganismi patogeni, con alterazione delle catene enzimatiche, formazione di metaboliti intermedi tossici, anomalie nella sintesi di vitamine e nell’assorbimento delle sostanze nutritizie. (F.Mastrodonato).

Cause della disbiosi:
Cattiva alimentazione
L’uso e l’abuso di farmaci: antibiotici, sulfamidici, corticosteroidi, immunosoppressori, talune terapie ormonali sostitutive
Uso improprio di lassativi
Coloranti, conservanti ed additivi vari
Metalli pesanti, erbicidi, pesticidi e inquinanti ambientali
Tossinfezioni alimentari, infezioni ed infestazioni intestinali - Svezzamento precoce

DUE CONSIGLI PER MANTENERE IN FORMA L'INTESTINO

ATTIVITA' FISICA E RESPIRAZIONE
Il movimento è fondamentale per il benessere intestinale, anche la semplice passeggiata giornaliera. E' un ottima soluzione per scaricare le tensioni quotidiane e ristabilire la corretta motilità intestinale. Non dimentichiamoci di respirare correttamente, le cellule hanno bisogno di ossigeno per funzionare bene, respirando eliminiamo tossine e ritroviamo un equilibrio energetico e funzionale; lo yoga, il pilates e le tecniche di rilassamento sono molto efficaci.



CORRETTA ALIMENTAZIONE
Una dieta ricca di fibre, acqua, vitamine e sali minerali è indispensabile alla sopravvivenza della microflora intestinale, quindi sulla nostra tavola non devono mai mancare, verdura, frutta, cereali integrali e semi oleosi. La giusta idratazione è importante e può essere mantenuta sia con consumo di acqua come tale, sia consumando alimenti che la contengono (frutta, verdura), sia utilizzando infusi, te e tisane.

SEGUIMI SU: dottobbili@nutrirsimeglio.it Via Bologna 93/A 10154 Torino -Tel. 3495519559